Chimera (mitulugia)

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
A Chimera, in l'intarpritazioni di un piattu apulu à figuri rossi, ca. 350-340 a.C., Parighji, Musée du Louvre.

A chimera (da u grecu Χίμαιρα, chímaira, littiralamenti "capra"; in latinu chimaera) hè un mostru mitulogicu incù parti di u corpu di parechji animali. Sicondu u mitu grecu faci parti di a discindenza di Tifonu è Echidna, à tempu cù l'Idra di Lerna, Cerbaru è Ortru. Fù fattu cumpariscia in a "Tantazioni di Sant'Antonu" di Flaubert.

Aspettu[mudificà | edità a fonte]

A "Chimera di Arezzo": un bronzu etruscu

I discrizzioni varieghjani - sicondu parechji pudia sputà focu, avia testa di lionu, una testa di capra nantu à a schiena è a coda di sarpi; sicondu altri avia corpu di capra, coda di sarpi o di dragonu è testa di lionu. Sputava focu da i fauci è u morsu di a coda era vilanosu.

« ...Era u mostru di urighjina divina,
lionu a testa, u pettu capra, è dragonu
a coda; è da a bocca orrendu vampi
vumitava di focu: è dinò,
cù u favori di i dei, l'eroi a spensi... »
(Iliadi, VI, 180-184, trad. V. Monti)

Storia[mudificà | edità a fonte]

A chimera avia urighjini divini, in quantu figlia di Echidna è Tifonu: dimurava eminentamenti à Patara. U rè di Licia Iobate urdinò à Bellerofonte di uccida la parchì edda si dava à incursioni in u so tarritoriu. Incù l'aiutu di Pegasu, Bellerofonte ci riiscì. Si conta ch'eddu avissi a punta di a so lancia di un pezzu di piombu. À u calori di i fiammi lanciati da a Chimera, u piombu si sciolsi è uccisi a bestia.

In l'Iliadi si dici ch'è, prima ch'è Bellerofonte l'uccidissi, a Chimera fù tinuta à bada da u liciu Amisodaro, chì in seguitu divintò babbu di i ghjovani eroi Atimniu è Maride.

Cultura Pupulari[mudificà | edità a fonte]

Bibliugrafia[mudificà | edità a fonte]

Fonti[mudificà | edità a fonte]

'Ss'articulu pruveni in parti o in tutalità da l'articulu currispundenti di a wikipedia taliana.