Acula marina

À prupositu di Wikipedia
Andà à: Navigazione, Ricerca
L'acula marina
Larus michahellis LC0046.jpg
Larus michahellis
Classificazione scentifica
Regnu Animalia
Divisione Chordata
Classa Aves
Ordine Charadriiformes
Famiglia Laridae
Generu Larus
Nome binuminale
Larus michahellis
Naumann, 1840
Larus portrait.jpg

L' Acula marina (Larus michahellis) hè un acellu chì face parte di a famiglia di i Laridae. Ind'è l'adultu, u spinu è l'ale sò grisge. E patte sò gialle. U bizzicu hè giallu. L'ochji sò chirchjati rossu. Ci hè puchissimu dismurfisimu sessuale. I ghjovani sò piu bruni, cù u bizzicu più scuri è e patte à spessu rusuline. L'acula marina hè alta 58-68 cm. A so apertura alare hè 130-160 cm. Pesa trà 700 è 1300 grammi.

L'acula marina hè prisente annantu à u litturale è tutte l'isule di l'arelae di u Mare Terraniu, ma dinù annantu à u litturale atlanticu, da u Maroccu à a Brittania. Difatti, l'acula marina hè u più acellu marinu cumunu in l'areale di u Mare Terraniu, incù guasi 120 000 coppii arrighjunati in u mediterraniu occidentale.

In bulu

L'acula marina era in traccia di sparisce à u principu di u seculu XX, ma dipoi qualchì dicenniu, a so populazione hà crisciutu di manera impurtanta, à tal' puntu chì 'ssa spezia hè cunsiderata qualchì volta cum'è una spezia troppa abbundente è priculosa per l'altre spezie. Difatti, l'acule marine anu cumincitatu dipoi parechji anni à arrighjunisce si ancu in e cità è vicinu à i fiumi.

L'acula marina manghja picculi pesci, piulaconi d'acelli è cadaveri. Hè cacciadore è piscadore. Purtroppu, 'ssu acellu hè statu capace di cambià u so modu di nutrisce si, andendu ancu à circà u so cibu in i rumenzuli. Si cunsidereghja ch'ellu hè 'ssu cambiamentu chì hà incausatu a crescita recente di a populazione d'acule marine.

L'acula marina hè stata cunsiderata frà pocu cum'è una spezia distinta è sputica. Innanzi, era classata in a spezia 'Larus cachinnans'. Da u puntu di vista di a sistematica, ci sò trè sottuspezie d'acule marine:

  • Larus michahellis michahellis
  • Larus michahellis lusitanius
  • Larus michahellis atlantis


Prutezzione[mudificà | edità a fonte]

L'acula marina hè prutetta da:

  • a Cunvenzione di Berna : annessu II

In Corsica[mudificà | edità a fonte]

U ghjovanu

L'acula marina hè prisente è abbundente in Corsica. Hè ancu chjamata gabbianu cumunu. Parte è più si trovanu annantu à l'isulotti di Corsica è u litturale. E culonie più impurtante d'acule marine sò situate (Thibault 1983) annantu à facciata uccidentale cum'è in Scandula, l'Isule Sanguinare, l'Isule Lavezzi è l'Isule Cerbicale. Frà 1977 è 1980, 2250 acelli sò stati cuntati, spartuti in 33 culonie (Thibault 1983). Ci n'hè moltu più avà è niente ch'è per a rigione d'Aiacciu, si stima chì ci hè 1000 coppii d'acule marine. Durante l'annu, ci sò dinù e visite di parechje acule marine chì venenu da u steriore, è chì si ne stanu annantu à i stagni di a Costa orientale è ancu in i porti. À tempi muderni, s'hè custatatu chì l'acule marine vanu à nutrisce si in i ruminzulaghhi di l'interiori, è ponu cullà cusì sin'à 800 metri. À i ghjorni d'oghje, ci hè ancu u pinseru chì 'ssu accriscimentu di a populazione d'acule marine incauseghja parechji prublemi. Unu di 'ssi prublemi per l'attività umani hè u risicu d'accidente incù un aviò o un elicottreru. Ma ci sò dinù altri prublemi incù a fauna è a flora di l'isula, è in particulare incù l'aviafauna è una spezia rarissima: l'acula marina corsa (larus audouinii): quella soffre di 'ssa abundenza d'acule marine, perchè li pò manghjà i so ovi o i so piulaconi, ma li pò ancu catturà e so prede.

Citazione[mudificà | edità a fonte]

Accade chì l'acula marina fussi mintuvata in u cantu o in a litteratura corsa. Per esempiu:

È lu to sensu s'infrebba
D'ùn pudè la accumpagna
Chjosa da l'umbriccia niedda
Di l'umana falsita
À goda l'aria serena
Cum'è l'acula marina
Cum'è l'acula marina.
È a stella mattutina
Sempre mi vol'aspettà
Quand'a mio vela latina
Cum'un acula marina
Nant'u mare si ne và.

Da vede dinù[mudificà | edità a fonte]

Referenze[mudificà | edità a fonte]

  • Thibault, Jean-Claude, Acelli di Corsica - Les oiseaux de Corse, 1983, PRNC (in francesu)

Ligami[mudificà | edità a fonte]